Sicuramente sì, tanto in rete che sulle strade. Nella tabella 13 illustriamo la stima del Boston Consulting Group sui prodotti maggiormente venduti on line, mettendo a confronto Italia, Europa e Usa.

Tab. 13 I prodotti maggiormente venduti on line (vendite in % sul totale di ogni comparto)


Fonte: The Boston Consulting Group

Gli italiani sono stimati sempre indietro rispetto anche alla media europea negli acquisti, salvo che in quelli informatici, segno di un elevato costo al dettaglio dei personal computer e delle periferiche.

Passando ai viaggi, anche negli Usa questa ricerca stima che solo l’1,8% del fatturato globale sia venduto in rete, per ora.

Diverso l’approccio della ricerca Datamedia (tabella 14) che si interroga su cosa comprino i navigatori e non a caso i viaggi arrivano dopo i libri, il software, i cd e la musica.

Tab. 14 La top degli acquisti on line


Fonte: Datamedia

Tra le prime voci però compaiono tanto i viaggi che la biglietteria e gli alberghi, segnale inequivocabile di un interesse dei navigatori per l’organizzazione e l’acquisto on line dei servizi turistici. (vedi anche la tabella 3)