L'intervista, stimolando una discussione diretta, ci ha permesso di avere un quadro più completo sulle reali esigenze ed intenzioni delle imprese.

In tal senso, il contributo dell'intervistato è stato fondamentale per capire la sua reale disponibilità a ricercare nuove forme di collaborazione con la scuola e i docenti.

Dopo una breve indagine sulle esperienze di contatto con la scuola (stage e/o tirocini) e soprattutto sugli eventuali ostacoli incontrati nelle attività di cooperazione scuola/lavoro, i soggetti intervistati ci hanno fornito informazioni basilari riguardo alle modalità e ai contenuti di un ipotetico "nuovo modello di collaborazione", capace di soddisfare e integrare i fabbisogni sia del sistema scolastico che di quello produttivo.

Le domande rivolte ai nostri interlocutori sono state utili per conoscere il loro grado di disponibilità, le tematiche di cui si occuperebbero e quali obiettivi perseguirebbero nella realizzazione delle nuove forme di collaborazione.

Altre domande presenti nell'intervista si riferiscono alla cultura del lavoro, alle abilità comportamentali e comunicative, alle competenze di base ritenute essenziali per svolgere adeguatamente i ruoli ricoperti e per accrescere la preparazione dei giovani, in linea con le tendenze europee in tema di formazione e istruzione.