1. Quanto tempo dura il corso?
    Il corso si articola in 730 ore così suddivise: 30 ore per la pre-formazione, 500 ore per la formazione in aula e 200 ore di stage. La formazione in aula prevede una frequenza giornaliera per un periodo di circa 5 mesi a cui seguono altri 2 mesi per il tirocinio, le cui modalità di frequenza saranno concordate individualmente.

  2. Quali sono le modalità diiscrizione?
    E' sufficiente spedire (tramite posta, fax o e-mail) una domanda di partecipazione a cui allegare il proprio curriculum vitae. L'idoneità delle candidate sarà successivamente valutata sulla base di una selezione che prevede la somministrazione di un questionario e il sostenimento di un colloquio.

  3. Quali sono i requisiti per poter partecipare?
    Essere donne inoccupate o disoccupate, risiedere nella regione in cui si svolgono le attività corsuali, essere iscritte alle liste del collocamento e possedere un titolo di studio di scuola superiore.

  4. E' stabilito un limite
    di età per
    le partecipanti?

    No, possono frequentare il corso le donne di ogni età, purchè abbiano i seguenti requisiti: residenza nella regione in cui si svolgono le attività corsuali, iscrizione alle liste del collocamento, possesso di un titolo di studio di scuola superiore.

  5. Si tratta di un corso gratuito?
    Si, il corso è completamente gratuito.

  6. Il progetto prevede
    un'indennitàdi frequenza?

    Si, è prevista un'indennità pari a £ 2000 lorde per ogni ora di presenza nel periodo della formazione e dello stage.

  7. Il progetto prevede
    un rimborso spese?

    Il rimborso spese è previsto solo nel periodo di stage, qualora le corsiste siano costrette ad affrontare lunghi spostamenti per raggiungere le strutture ospitanti.

  8. Quali sono le materie oggetto di studio?
    Nel calendario didattico del corso figurano diversi moduli che rendono il corso stesso molto completo dal punto di vista della preparazione professionale. Si affronteranno le seguenti materie:
    • Psicopedagogia infantile
    • Storia e teoria del gioco
    • Gioco, educazione psicomotoria e sport
    • Laboratori espressivi e creativi
    • Informatica gestionale e ludica
    • Analisi dei fabbisogni territoriali
    • Autoimprenditorialità
    • Creazione e gestione di impresa

  9. Chi saranno i docenti dei vari moduli?
    Si tratta di esperti del settore dell'infanzia, ovvero di persone altamente qualificate e in grado di fornire un quadro di conoscenze specifiche su ogni aspetto del rapporto con il bambino, della gestione di una ludoteca nonchè dell'approccio con l'informatica.

  10. Si avranno a disposizione dei testi da consultare durante il corso?
    Per ognuno dei moduli indicati è prevista la distribuzione di materiale didattico come approfondimento delle lezioni.

  11. La frequenza è obbligatoria?
    Si, è necessario frequentare giornalmente le lezioni.

  12. C'è un margine di assenze consentito?
    È consentito un margine di assenze non superiore al 10%, pena la non ammissione alla prova di valutazione finale.

  13. Quante ore sono previste al giorno?
    Normalmente i corsi si svolgono di mattina per un totale di sei ore al giorno.

  14. Il periodo dello stage dove deve essere effettuato?
    Le 200 ore previste per il tirocinio possono essere svolte presso una o più ludoteche, scuole materne ed eventuali campi-scuola o centri estivi. Le corsiste possono contattare personalmente le strutture o esservi indirizzate dal nostro Ente.

  15. E' possibile effettuare lo stage in una regione diversa da quella in cui si è frequentato il corso?
    Si, in quanto si tratta di un progetto multiregionale, ma è necessario motivare la richiesta con ragioni attinenti agli argomenti del progetto.

  16. In cosa consiste l'esame finale?
    La prova di valutazione finale è suddivisa in due fasi: un questionario scritto a risposta multipla e un colloquio orale alla presenza di una Commissione formata dalle autorità regionali competenti, dal responsabile didattico dell'Ente e dal tutor.

  17. Con l'esame finale il corso è da intendersi concluso?
    Il corso termina con la prova di valutazione finale, a seguito della quale verranno assegnati gli attestati di qualifica, ma il progetto prevede, al termine delle attività corsuali un seminario di "Orientamento al lavoro".

  18. In cosa consiste il seminario "Orientamento al lavoro"?
    Si tratta di una consulenza gratutita fornita da consulenti del lavoro alle corsiste, sui vari aspetti dell'approccio al mondo del lavoro, tra cui la compilazione del curriculum vitae, le modalità di un colloquio di lavoro e l'avvio all'imprenditorialità.

  19. Possono avvalersi della consulenza sull'"Orientamento al lavoro" solo le discenti del corso o anche le persone esterne?
    E' una consulenza a favore delle sole partecipanti al corso.

  20. E' prevista la distribuzione di materiale informativo nel corso del seminario "Orientamento al lavoro"?
    Si, alle partecipanti saranno consegnati un CD-ROM e una dispensa sull'Avviamento all'impresa.


Pagina elaborata a cura di
© GALILEO Problem Solving
divisione della MARCHIO Sistemi Innovativi S.r.l.