La controventatura è costituita da un filo che segue il perimetro dell’aquilone; è legata alla nervatura, la rinforza e la mantiene nella configurazione voluta.

La briglia è costituita da almeno due fili e distribuisce sull’aquilone le forze di trazione, evitando il rischio di una possibile rottura.

Il filo di ritenuta serve a collegare l’aquilone all’operatore e gli trasmette tutte le vibrazioni e gli impulsi.

Il mulinello permette di svolgere e riavvolgere il filo di ritenuta.

La coda rende stabile l’aquilone.