Menù  


Programma Analitico

divisore1

barra

divisore1

LABORATORIO DI SCARABOCCHIO


  P er il laboratorio di Scarabocchio verranno distribuiti fogli di carta bianchi in formato A4, penne e matite colorate per sperimentare, in prima persona, lo scarabocchio come forma di espressione. Attraverso le esercitazioni pratiche verrà illustrato che lo scarabocchio è "una scrittura" che serve a rielaborare, ricostruire un percorso motorio, manipolativo ed esperienziale. Si tratta, inoltre, della rappresentazione di una storia vista, udita o "giocata" e quindi della rielaborazione di un modello visivo che porta a "vedere con la mente". Il lavoro e l'intervento dell'insegnante, quindi, servono a mettere a punto l'elaborazione dell'esperienza anche attraverso l'uso della scrittura.

  Il laboratorio di scarabocchio prevede anche la proiezione di filmati e diapositive che consentirà l’analisi dell’evoluzione grafica infantile nei suoi diversi stadi: pre-schematica, schematica e del realismo nascente. Questo servirà per introdurre gli insegnanti ad una lettura più attenta delle manifestazioni e dei meccanismi cognitivo-comunicativi dei bambini e delle bambine: dallo scarabocchio all'invenzione dei simboli, alla lettura-scrittura come espressione significante del codice linguistico corrente, dal punto di vista della continuità fra scuola materna e scuola elementare.

Calendario attività del laboratorio di Scarabocchio


divisore1

barra

divisore1

LABORATORIO DI PITTURA



  Per il laboratorio di Pittura verranno distribuiti carta liscia, ruvida, matite, colori a cera, colori fibra, pastelli fini e grossi, colori per dita, tessuti, pittura per tessuti e pittura per vetro a norma CEE, gessetti e lavagne, pennelli, spugnette, tempere, acquerelli, cavalletti, ecc. La pittura associata al gioco può divenire un importante veicolo di espressione della fantasia del bambino, per questo occorre stimolarne la creatività attraverso la conoscenza e l’utilizzo dei più diversi materiali, tecniche e strumenti. Nel corso del laboratorio di pittura verrà quindi mostrato, per esempio, come produrre le impronte sul tessuto, come comporle, in che modo usare la mano come un pennello per stendere il colore, lasciare tracce, eseguire sfumature, produrre macchie e schizzi. Dipingere con acquerelli, tempera e cera servirà alle discenti per introdurre i bambini a forme di espressione grafica ed estetica più elaborata.

Calendario attività del laboratorio di Pittura


divisore1

barra

divisore1

LABORATORIO DI ASSEMBLAGGIO

  Per il laboratorio di Assemblaggio sono necessari, forse più che per altri laboratori, i più vari materiali d'uso (forbici a punta rotonda, colla vinavil, tavolette multistrato, mattarelli, vasetti per il colore, pennelli e pennellesse, spillatrici, taglierini, seghetto e tronchesine…) e materiali di consumo (cartoncino Bristol, carta da pacchi, cartone ondulato, carta velina, carta extra-strong, ritagli di legno massiccio, pannolenci, cotoni, lane e spaghi, scatoloni da imballaggio, contenitori di plastica, quotidiani e riviste, scatole da scarpe, gessetti colorati, colori a cera, a tempera e pastelli, legno compensato..)
Nell’utilizzo dei materiali del laboratorio deve emergere la pericolosità e la tossicità di alcuni materiali e l’importanza dell’utilizzo di prodotti idonei e certificati.
Nel corso del laboratorio verrà dimostrato che accostando materiali diversi, o scegliendone di un solo tipo, si possono realizzare giochi di vario stile. Materiali e oggetti che ci passano accanto quotidianamente senza suscitare in noi alcun interesse sembrano assumere nuove forme, se guardati con occhi diversi. Gli oggetti non si presentano più come qualcosa di definito e immutabile ma danno luogo a nuove possibilità d’uso e a metamorfosi. Nel riciclaggio degli oggetti, per esempio, si apre un campo d’azione in cui ognuno può trovare il modo di allenare fantasia e creatività, esplorando e sperimentando il proprio percorso di ricerca con una chiave espressiva personale.
Partendo da un tipo di materiale da recupero, ad esempio gli scatoloni da imballaggio, si progetteranno dei moduli da assemblare per costruire una città a misura di bambini: cartunia.
Cartunia sarà in tutto e per tutto una città in miniatura, con negozi, musei, case, teatri, automobili, sagome di animali e personaggi…
Cartunia è solo un pretesto per entrare in confidenza con un materiale di scarto, ma diviene strumento didattico in quanto consente al bambino di scoprire e conoscere ambienti, luoghi e le loro funzioni. Cartunia è uno strumento efficace di educazione alla vita urbana perché avendo una valenza ludica, permette di nascondersi, di fare del gioco simbolico (giocare a…), di drammatizzare, inventare, relazionarsi.


Calendario attività del laboratorio di Assemblaggio


divisore1

barra

divisore1

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE

  Per il laboratorio di Manipolazione, il progetto si propone di introdurre i discenti all'utilizzo ed alla familiarità con tecniche diverse di approccio al colore, ai materiali, alle tecniche espressive, alla costruzione e composizione di immagini, ai diversi percorsi utili a scoprire e a scoprirsi.
L'uso del colore nelle sue diverse forme (in pasta, in blocchi, liquido, in lastre), il rapporto con materiali diversi per consistenza e malleabilità (la creta, il cartone, la plastica, il legno…), la padronanza di strumenti diversi (pennelli, spatole, cucchiai…) e soprattutto l'uso delle mani saranno i presupposti che guideranno questo laboratorio.
Affinché sia possibile cogliere e sperimentare tutti i possibili intrecci tra la manualità, i materiali più vari e i colori, scoprendo ritmi ed equilibri nuovi dell'estetica, è necessario allestire un vero e proprio laboratorio realizzato con materiali fissi (spillatrici, forbici medie, taglierini, martelli, seghetto, tronchesine) e materiali di "consumo" (carta, cartoncino, pennarelli, colla, scotch, pennelli, stoffe, cartapesta, legno, fili, aghi …).
La conoscenza e l'utilizzo di materiali diversi per realizzare lavori tangibili gratificano il bambino e lo motivano a fare, portandolo ad interpretare il significato della realtà ed avviandolo al riconoscimento dei campi, dei piani, delle diverse angolazioni e di altri elementi compositivi, quali i colori e le luci. Stimola e favorisce, inoltre in lui, la creatività attraverso una metodologia di apprendimento di tipo attivo e ricca di sollecitazioni, basandosi su esperienze assimilabili al gioco.
Tutto questo può significare per il bambino l'inizio di un percorso attivo per svelare la complessità del visibile, ma soprattutto per introdurlo al mondo dell'invisibile, dell'estetica in quanto possibile veicolo d'espressione dei molteplici piani della percezione e delle sensazioni.


Calendario attività del laboratorio di Manipolazione


divisore1

barra

divisore1

LABORATORIO "LE DIFFICOLTA' E I DISTURBI NELLA PRODUZIONE E INTERPRETAZIONE DEI SEGNI"

  Per il laboratorio di Le difficoltà e i disturbi nella produzione e interpretazione dei segni non è prevista la distribuzione di materiali didattici, ma solo l’utilizzo di un proiettore di diapositive e di un video-registratore. Questi strumenti, infatti, saranno indispensabili per illustrare alcuni casi studio sui disturbi dell'apprendimento, dislessia, disgrafia, discalculia e le forme di recupero e prevenzione attraverso prove di coordinazione spaziale, giochi e percorsi.
In relazione a questo laboratorio assume pertanto particolare importanza la dispensa fornita che costituirà anche una guida alla comprensione del laboratorio stesso.
Il laboratorio di Le difficoltà e i disturbi nella produzione e interpretazione dei segni si articolerà (in date da destinarsi):


Calendario attività del laboratorio Le difficoltà e i disturbi nella produzione e interpretazione dei segni




Home Page

barra

Pagina elaborata a cura di
© GALILEO Problem solving
divisione della MARCHIO Sistemi Innovativi S.r.l.