Gli investimenti in formazione continua del nostro Paese sono particolarmente bassi anche in relazione a quelli degli altri paesi europei.

In Francia nel solo 1999 ben 10.000.000 di lavoratori sono stati coinvolti nelle azioni formative; la stessa Spagna, che partiva da una situazione simile alla nostra, ha coinvolto già nel 1998 1.200.000 lavoratori solo nelle attività cofinanziate da FORCEM, la fondazione per la formazione continua che ha gli stessi scopi dei progettati fondi interprofessionali.